L’origine della giornata del mare

La giornata del mare o umi no hi (海の日) si festeggia il terzo lunedì di luglio ed ha come fine quello di ringraziare il mare per le sue benedizioni e chiedere prosperità per il Giappone che è una nazione marittima.

L’origine di questa festa è legata all’imperatore Meiji che il 20 luglio 1876 tornò a Yokohama sulla nave Meiji Maru. Questa nave che fu completata il 24 novembre 1875 e che era la prima barca destinata al commercio internazionale dell’epoca. L’imperatore poco tempo dopo la costruzione salpò su di essa da Aomori ad Hahodate e poi da Hakodate a Yokohama. Il suo viaggio durò 55 giorni e proprio perché ritornò sano e salvo si istituì questo giorno di commemorazione.

L’umi no hi divenne festa ufficiale però solo nel 1996 e poi nel 2003 si decise per la sua “mobilità” facendola diventare il terzo lunedì di luglio.

Come celebrare questa giornata

Innanzitutto, il fine della festa è quello di ringraziare il mare per i suoi doni che per i giapponesi sono davvero tanti. Essendo infatti un’isola è ovvio che debba tanto al mare. Ma non bisogna pensare solo al cibo ma alle tante cose che può donare come i viaggi delle persone, il trasporto degli oggetti come i bagagli e i traffichi commerciali.

Sicuramente poi c’è da considerare tutta la parte alimentare e i doni che il mare fa al Giappone. Le alghe, i granchi, i gamberi, i crostacei, i pesci… tutta è grazia ricevuta dalle divinità del mare. L’umi no hi è quindi anche un giorno per dire “grazie”.

Quindi andare al mare o agli acquari è uno dei modi per celebrare la giornata del mare.

Come sempre le famiglie si ingegnano per sensibilizzare i propri figli all’umi no hi con giochi, libri illustrati, cartoni e quanto possa essere non solo divertente ma anche istruttivo.

C’è comunque chi non manca, da buon scintoista, di pregare le divinità del mare affinché siano sempre benevole.

Non è da escludere che nella giornata si faccia una bella mangiata di pesce.

Uno degli eventi più importanti si tiene nella città di Kobe e si chiama “Festa del mare della città di Kobe” (海フェスタ神戸). Questa festa dura per più giorni ed inizia verso la metà di luglio e termina i primi di agosto. Durante questi giorni si tengono diversi eventi come mostre sulle navi, gare di barca a vela e che termina con dei grandi fuochi di artificio.

Se vi trovate a Tokyo non sottovalutate di andare ad Odaiba di sera per vedere le bellissime lanterne messe sulla spiaggia che creano un effetto bellissimo.

Discorso diverso era per la città di Nara dove non essendoci il mare, il terzo lunedì di luglio si celebrava il giorno della montagna. Questa giornata e poi divenuta ufficiale per tutto il Giappone ma nei primi giorni di agosto.

Condividi

Se ti è piaciuto il post condividilo con i tuoi amici